Meg Ryan e David Duchovny parlano del loro incantevole nuovo film e condividono amate commedie romantiche.

Meg Ryan e David Duchovny, che hanno recitato insieme in un film chiamato „What Happens Later“, sono stati interrogati sui loro film romantici preferiti dopo una proiezione speciale a New York City. Duchovny ha scherzato su un controverso film chiamato „Ultimo tango a Parigi“. Ryan, nota per aver recitato in commedie romantiche come „Harry ti presento Sally…“, „Insonnia d’amore“ e „E-mail per te“, ha menzionato che ama il film del 1938 „Una donna vivace“ con Katharine Hepburn e Cary Grant.

Durante la discussione, Ryan ha detto che va al cinema per provare emozioni. Non vuole imparare qualcosa o essere istruita; vuole solo essere commossa o emozionata. Crede che i film siano soprattutto meraviglia e siano come cose delicate ed eteree. Ha parlato anche della sua esperienza nella regia di un film e di come la magia del cinema avvenga nella parte del pubblico, con luce e suono che si uniscono per creare qualcosa di significativo. „What Happens Later“ è un film del quale hanno parlato. Si tratta di due ex-amanti, Bill e Willa, che si incontrano inaspettatamente in un aeroporto, rimangono bloccati lì durante la notte a causa della neve e devono trascorrere del tempo insieme.

Durante la sessione di domande e risposte, hanno discusso se il film sia più una commedia romantica o un dramma. Duchovny ha scherzosamente suggerito di chiamarlo „rom-dram“. Ryan ha parlato del tema maturo di due persone che cercano di capire perché non sono finiti insieme dopo 20 anni, che secondo lei non è qualcosa che i giovani di solito pensano. Duchovny ha suggerito che anche i giovani apprezzerebbero il film, e Ryan ha concordato che è anche per loro. „What Happens Later“ è stato annunciato da Ryan nel 2022, otto anni dopo il suo primo lavoro di regia nel 2015 con „Ithaca“. Ha descritto l’intera esperienza di realizzare il film come „magica“.

Rating
( No ratings yet )
Like this post? Please share to your friends:
Amazing Stories

Videos:


Related articles: