Incredibile trasformazione di un appartamento di due camere da letto di 55 m² „ucciso“. Le foto prima e dopo la ristrutturazione ti sorprenderanno.

All’inizio della ristrutturazione, l’appartamento si trovava in uno stato „distrutto“, ma la designer è riuscita a trasformare il vecchio edificio dell’epoca stalinista in un alloggio confortevole e alla moda. Sono state utilizzate vernici, parquet e piastrelle di cemento. E il set di mobili è stato assemblato con pezzi vintage, elementi su misura e assortimento IKEA. Per i clienti – una coppia sposata con due figli – questa non è la loro residenza principale, ma una aggiuntiva. L’appartamento è vicino alla scuola frequentata dai bambini, lontano dalle strade rumorose. I clienti cercavano un appartamento in un vecchio edificio, con un bell’ingresso, soffitti alti e dettagli storici conservati. Pertanto, è stata chiesta alla designer Elena Zufarova di preservare l’immagine di un vecchio appartamento moscovita nell’arredamento.

La posizione delle finestre e delle pareti portanti non consentiva di aumentare il numero delle stanze; i clienti avevano una scelta – abbandonare il soggiorno o una camera da letto completa. La scelta è caduta a favore di un soggiorno con un divano letto: i proprietari preferivano lasciare spazio per la comunicazione familiare, guardare film e parlare insieme durante la cena. „Il cliente ci ha chiesto di prestare particolare attenzione alla disposizione e all’attrezzatura della cucina“, dice Elena Zufarova. „Gli piace cucinare e ha completato diversi corsi presso una rinomata scuola gastronomica internazionale. Abbiamo posizionato il set lungo due pareti, sollevato e spostato il tubo del gas – inizialmente si trovava a un’altezza di 195 cm. Abbiamo anche installato una porta scorrevole con vetro in cucina e fornito due cappe.“

Nelle stanze hanno usato parquet di rovere con un classico disegno a spina di pesce, in altre aree hanno utilizzato piastrelle di cemento di Topcer: questi materiali sono associati sia agli antichi appartamenti di Mosca che agli interni parigini. I cornicioni in gesso rimasti sono stati restaurati e aggiunti dove non c’erano – nell’ingresso e nel corridoio, dove sono state smantellate le mezzanini, aumentando l’altezza del soffitto. Le soglie delle finestre sono state realizzate in rovere ovunque. „Durante il processo di ristrutturazione siamo riusciti a realizzare un secondo bagno nel grande bagno e a collocare un lavandino nel piccolo. Sono cose apparentemente piccole, ma importanti per la vita di quattro persone“, dice la designer. „Il bagno degli ospiti è decorato in modo più luminoso e audace, con un poster vintage del film ‘Pulp Fiction’ – è in una stanza del genere che ci si può permettere decisioni più audaci. Le piastrelle chiare e lucide nel bagno padronale ampliano visivamente lo spazio, e la pittura rinfresca l’arredamento.“

L’ingresso aveva originariamente un nicchia che veniva utilizzata per riporre cappotti e scarpe. In essa è stato collocato il sistema Elfa, coprendo la nicchia con tende di velluto. Queste chiudono l’ampia apertura della porta d’ingresso, elevando visivamente la sua altezza, che non poteva essere aumentata. Anche la stanza grande aveva una nicchia; la designer ha suggerito di coprirla con una parete con una porta invisibile, e il risultato è stato un ampio spogliatoio. Il budget del progetto non era molto grande, quindi tra i mobili si possono trovare pezzi vintage, articoli personalizzati e cose di IKEA. Ad esempio, nella camera dei bambini, tra gli armadi di IKEA, c’è una libreria su misura in stile anni ’60, e nel soggiorno c’è spazio per una cassettiera vintage trovata a San Pietroburgo. „Gli elementi sono stati scelti senza fretta, uno alla volta, creando un’immagine armoniosa“, dice la designer.

 

Rating
( No ratings yet )
Like this post? Please share to your friends:
Amazing Stories

Videos:


Related articles: