L’architetto Gemma Wheeler trasforma una cappella trascurata in una splendida residenza con 3 camere da letto.

“Entra nella straordinaria trasformazione mentre l’architetto Gemma Wheeler trasforma una cappella trascurata in una splendida residenza con 3 camere da letto! 🏰✨ Esplora il magistrale restauro che fonde il fascino storico con l’eleganza moderna. Ammiriamo l’ingegno architettonico e la maestria artigianale che hanno dato vita a questa casa da sogno. Condividi i tuoi pensieri su questa ristrutturazione ispiratrice nei commenti qui sotto!”

L’architetto Gemma Wheeler ha affrontato una sfida unica nel trasformare una vecchia cappella in una casa. La cappella era piccola e aveva grandi finestre posizionate in alto, rendendo difficile convertirla in uno spazio abitabile. Wheeler aveva l’obiettivo di creare una casa con tre camere da letto all’interno di un’area di 80 metri quadrati, ma la posizione delle finestre ha posto una sfida.

Un’idea era quella di dividere la casa in due piani abbassando il soffitto e alzando il pavimento. Tuttavia, ciò significava che nessuna stanza al secondo piano avrebbe avuto accesso alle finestre. Un’altra proposta prevedeva di alzare i pavimenti, creando spazio inutilizzato sotto il piano terra.

Konečný plán byl praktičtější: trochu hlouběji vykopat a postavit novou místnost pod úrovní země, která slouží jako hlavní vchod.

Nel design finalizzato, l’area giorno si trova al piano terra, con una piattaforma per l'”area del piano terra”. Gli spazi sono aperti, consentendo alla luce naturale dalle finestre di illuminare l’area pranzo e la cucina.

Al secondo piano ci sono due camere da letto separate da un sistema di armadi, con un bagno dal design creativo privo di finestre. Il piano superiore ha un’altra camera da letto con lucernari e una piccola area toilette.

Nel complesso, il design utilizza in modo efficiente lo spazio e ha ricevuto apprezzamenti per la sua creatività.

Rating
( No ratings yet )
Like this post? Please share to your friends:
Amazing Stories

Videos:


Related articles: